La mamma e la festa di compleanno – Pt 1

Quello delle feste di compleanno è sempre un tema spinoso che, invariabilmente, suscita nelle mamme due reazioni di tipo completamente opposto: l’euforia (poco) velatamente ossessiva che caratterizza la Mamma Organizzatrice, o l’angoscia mista a titubanza della Mamma LastMinute.

Inutile dire che, da questo articolo, si potrà immaginare a quale delle due categorie io appartenga 🙂

L’obiettivo di questo approfondimento è di confezionare per te 3 soluzioni per la festa di compleanno “fai da te” perfetta e a prova di budget; ma prima ci sono tre aspetti fondamentali da prendere in considerazione!

E’ ovvio che tutte noi Mamme Qualunque vorremmo regalare ai nostri figli una festa perfetta, da copertina; accumuliamo compulsivamente ispirazioni più o meno fantasiose da Pinterest, Instagram, riviste e televisione.. fino al momento in cui tocca fare i conti con l’amara verità: organizzare una festa in autonomia non solo è impegnativo, ma costa! E di brutto!

Si fa molto presto a raggiungere livelli inenarrabili di budget, spesso molto poco compatibili con le nostre tasche. Se a questo aggiungi le ricerche infinite online per questo o quell’accessorio, il mettersi d’accordo sul numero di invitati, parenti che si offendono, attività da proporre, cibo da ordinare.. il livello di stress raggiunge picchi non indifferenti, e il compleanno del nostro bimbo si riduce ad una fastidiosa incombenza organizzativa da smaltire il più velocemente possibile.

Ma visto che io nei meandri dell’organizzazione di “Avvenimenti Immaginari Per Situazioni Mai Vissute Ma Chissà” ci sguazzo, mi sono cimentata nel mettere a punto dei veri e propri pacchetti “chiavi in mano” con il necessario per organizzare una festa di compleanno di tutto rispetto: mi rivolgo a te Mamma LastMinute, consideralo un regalo per evitare difficili momenti di angoscia e ansia da prestazione!

Ma, prima di tutto, iniziamo con 3 consigli fondamentali da seguire per non gonfiare il nostro budget irrimediabilmente ancora prima di iniziare.

  1. LA TORTA DI COMPLEANNO

Forse è un’idea che non hai mai preso in considerazione, ma mi rivolgo alla Mamma Cuoca e non: non dare per scontato di dover ordinare la torta in pasticceria! Molto spesso, e a seconda del numero di invitati (che non so te, ma per me è difficile da tenere basso, specie in questi primi anni!), la torta di compleanno da pasticceria si aggiudica una bella fetta del nostro budget per l’intera festa. Non avere paura, e valuta l’idea di preparare una torta di compleanno! Le preparazioni per una classica torta di compleanno adatta a bambini (pan di spagna, crostata, ecc.) sono per lo più preparazioni basiche che anche una mamma tendenzialmente inesperta può replicare, dopo un paio di test, con ottimi risultati.

Oltre all’abbattimento radicale del costo, otteniamo anche una sorpresa ad effetto sia per il nostro bimbo/a festeggiato (specie se già grandicello e in grado di dire che la sua torta gliel’ha fatta la mamma!) che per il resto degli invitati (che, diciamocelo, magari fino a 5 minuti prima non avrebbero puntato 1 euro sulle vostre doti da pasticciera!).

Quella che vedi in foto è la che ho preparato per il primo compleanno di Viola: per la sua prima festa abbiamo avuto a casa 50 persone (nota dolente, ne parliamo tra poco!) e ho preparato una torta dal peso complessivo di circa 7 kg. Tradotto in termini pasticceri, si tratterebbe di almeno 210€ di torta, visto che nella mia zona il costo medio per una torta base di compleanno si aggira intorno ai 30€/kg.

Personalmente ci tenevo a farla con le mie mani a prescindere dal risparmio, ma non va assolutamente sottovalutata la possibilità di poter allocare in altro modo questo sostanzioso importo a tre cifre!

Si tratta di una semplice base di frolla con una mousse al cioccolato bianco e copertura di frutti di bosco: un livello di difficoltà direi intermedio, sicuramente complicato data la dimensione, ma assolutamente personalizzabile a seconda delle nostre capacità e dei nostri gusti! Non dimenticate che, su richiesta, le pasticcerie a volte vendono a prezzi modici dei panetti di pasta frolla crudi che potete congelare, stendere e cuocere all’occorrenza. Una volta sistemata la base, si tratta veramente di preparare solo una crema qualsiasi come farcitura, per poi concludere una copertura di frutta fresca, riccioli di cioccolato, nocciole tritate.. si ha veramente l’imbarazzo della scelta, e la resa finale è molto più d’effetto di quanto non potreste pensare! Prossimamente pubblicherò un approfondimento sulle mia avventure nella preparazione delle torte per i compleanni di Viola. 🙂

  • IL NUMERO DI INVITATI

Ecco un altro altro aspetto da ottimizzare in partenza per evitare una dispersione di costi ed energie preziose che potremmo dedicare ad altro nella nostra pianificazione.

Lo ammetto, in questo fallisco miseramente: inizio pensando di ridurre un po’ una lista di invitati troppo polposa, e finisco col cancellarne 4 e aggiungerne 6! E’ fondamentale, per la buona riuscita di una festa, identificare il target di riferimento (deve essere una festa tra bambini? E’ una festa familiare, solo nonni o anche parentame? O magari con qualche amico?) e regolarsi di conseguenza sia per la scelta della location, che delle attività e del buffet.

Con un bimbo in età scolastica sicuramente il discorso si fa più semplice, in quanto ce la si potrebbe cavare con “solo” una festa tra compagni. Finché i bimbi sono piccoli, però, ecco che tocca districarsi tra un mare di parenti suscettibili (specie quando si tratta del primo bambino/a in famiglia!), amichetti coetanei e amici dei genitori!

Un’opzione sicuramente molto diffusa è quella di far festeggiare i bimbi in maniera molto contenuta con qualche amichetto, e poi semplicemente dedicare una cena o una merenda ai nonni e/o parenti stretti. Ecco, sia io che il mio compagno abbiamo famiglie numerose e molto presenti nella nostra vita: quindi non solo questa opzione non sarebbe realizzabile, ma ci risulta anche pressoché impossibile rimanere sotto le 35-40 persone! Diciamo miglioreremo col tempo.. o che attenderemo con ansia la fase delle feste scolastiche solo tra bambini! 🙂

  • LOCATION

Per chi ha la fortuna di abitare in una casa indipendente con taverna o giardino (o anche solo una zona giorno spaziosa!), la scelta a mio parere è pressoché scontata; casa, casa, casa!

E’ vero: bisogna organizzare le cose a 360 gradi, cercare di minimizzare il rischio danni (l’angoscia e ossessione del mio compagno..), predisporre tutto e poi pulire.. ma rimane comunque l’opzione migliore per avere la massima resa con il minimo costo, specie con un giardino o una stanza predisposta ad hoc per i festeggiamenti. L’affitto di sale esterne con più o meno extra inclusi, agriturismi, fattorie, ecc. porta spesso via dai 150-200€ in su.

Se aggiungiamo il vincolo, molto spesso presente, di ordinare una torta di compleanno presso gli organizzatori (della cui qualità potremmo discutere..) e l’impossibilità di organizzare il buffet in maniera indipendente, per me la scelta risulta ancora più ovvia.

Se invece la Mamma LastMinute è anche una Mamma MoltoImpegnata, o una Mamma Stressata, è possibile che quella di organizzare una festa in casa propria, con tutti gli oneri del caso, non risulti affatto una prospettiva desiderabile: in questo caso l’opzione dei pacchetti feste all inclusive risulta spesso l’opzione più comoda e logica, anche se non gioca a favore del budget o della qualità dei servizi offerti.

Come per tutte le cose, bisognerà mettere sulla bilancia le proprie esigenze e preferenze, e non solo i vantaggi di budget!

Se però ti ho convinto e vuoi cimentarti in una festa di compleanno fai da te, clicca like sulla pagina Facebook: pubblicherò presto la seconda parte con dei veri e propri pacchetti festa chiavi in mano per i tuoi acquisti!

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *